Il postmoderno Ep. 3

postmoderno

Qui la prima parte e qui la seconda

Corrosione delle antinomie, dissoluzione delle strutture del romanzesco, comunicazione a codice variabile o senza codice, partecipazione attiva degli spettatori, il modernismo obbedisce già ad un processo di personalizzazione in un’epoca in cui la logica sociale dominante continua ad essere disciplinare. L’arte moderna presenta questo aspetto cruciale: inaugura, nella febbre rivoluzionaria, alla svolta del secolo, un tipo di cultura la cui logica coincide esattamente con quella che prevarrà, più tardi, nel momento in cui il consumismo, l’istruzione, la distribuzione, l’informazione scivoleranno verso un’organizzazione fatta di partecipazione, sollecitazione, soggettivazione, comunicazione. Questa grande fase del modernismo, quella che ha conosciuto gli scandali dell’avanguardia, è conclusa. Oggi l’avanguardia ha perso la sua virtù provocatoria, non vi è più alcuna tensione fra gli artisti innovatori e il pubblico in quando non c’è più nessuno che difenda l’ordine e la tradizione. Trasformazione del pubblico derivante dal fatto che l’edonismo, appannaggio alla svolta del secolo di un ristretto numero di artisti antiborghesi, è diventato, sostenuto dal consumismo di massa, il valore centrale della nostra cultura.

È a questo punto che si entra nella cultura postmoderna, questa categoria che, secondo Bell, contraddistingue il momento in cui l’avanguardia non suscita più indignazione, in cui le ricerche innovatrici sono legittime, in cui il piacere e la stimolazione dei sensi diventano i valori dominanti della vita di tutti i giorni. “La vera rivoluzione della società moderna si verificò nel corso degli anni Venti, quando la produzione di massa e un elevato grado di consumo cominciarono a trasformare la vita della classe media”. Questa mutazione raggiungerà il suo massimo regime soltanto all’indomani della Seconda Guerra mondiale, e ha una portata più profonda: essa risiede essenzialmente nella definitiva realizzazione del secolare obiettivo delle società moderne, e cioè il controllo totale della società e, d’altro canto, la liberazione sempre maggiore della sfera privata lasciata ormai in balia del self-service generalizzato, della rapidità della moda, della fluttuazione di qualsiasi principio, ruolo e status.

Dopo le rivoluzioni economiche e politiche dei secoli XVIII e XIX, dopo la rivoluzione artistica alla svolta del secolo, è la rivoluzione del quotidiano che prende forma. Un uomo moderno d’ora innanzi è aperto alle novità, idoneo a mutare senza opporre resistenza al modo di vivere. Cade così anche l’ultima barriera che ancora sfuggiva alla penetrazione burocratica, alla gestione scientifica e tecnica dei comportamenti, al controllo dei poteri moderni che dovunque aboliscono le forme tradizionali di socievolezza e si industriano a produrre-organizzare quella che deve essere la vita dei gruppi e degli individui, fin nei loro desideri e nella loro intimità. Controllo delicato, non meccanismo totalitario; il consumismo è un processo che funziona con la seduzione: gli individui adottano si gli oggetti, le mode, le formule di svago elaborate dalle organizzazioni specializzate, ma a modo loro, accettando questo e non quell’altro, combinando liberamente gli elementi programmati.

Se il consumo elimina la cultura puritana ed autoritaria, non lo fa a vantaggio di una cultura irrazionale o impulsiva, ma, più in profondità, si instaura un nuovo tipo di socializzazione “razionale” del soggetto, non certo con la scelta dei contenuti, ma con il seducente imperativo di informarsi, di autogestirsi, di prevedere, di riciclarsi, di assoggettare la propria vita alle norme delle cure e dei test. L’èra del consumismo desocializza gli individui e correlativamente li socializza mediante la logica dei bisogni e dell’informazione: il processo di personalizzazione fa apparire un individuo informato e responsabilizzato, mittente costante di se stesso.

Fine Ep. 3 (La prossima e ultima puntata le conclusioni)


Annunci

15 Comments

  1. A parte che ho dovuto leggerlo una paio di volte per capirci qualcosa.. penso di essere d’accordo su un paio di cose: che non c’è più nessuna trasgressione possibile nei nostri tempi, se non la trasgressione macabra che forse è l’unica che suscita sempre una certa meraviglia-un certo sdegno- un moto di coscienza reverenziale, e che l’edonismo è il centro della società, della cultura e della vita di tutti, ma forse lo è sempre stato, sono solo cambiati i mezzi per realizzarlo.

  2. La “comunicazione senza codice” non è una contraddizione in termini? Ovvero, se un messaggio inviato da chi trasmette non è comprensibile a chi riceve, non è avvenuta alcuna comunicazione: quindi, perché si possa parlare di comunicazione, dev’essere composto secondo regole (i.e. codice) note a entrambi gli attori della comunicazione.

    1. La tua obiezione è giusto, ma io intendevo che non esiste una lettura univoca, ma è suscettibile alle più svariate interpretazioni, spesso anche in contraddizione con le intenzioni dell’autore.
      Ciao Giulia

      1. La mia obiezione non era affatto rivolta a te, ma a coloro che credono di fare arte inviando messaggi che sono a tal punto suscettibili di infinite interpretazioni ugualmente probabili e sensate da non averne, in verità, alcuna!
        Quelli che così fanno non stanno comunicando. Stanno solo facendo un giochetto sterile e, direi, un po’ “sporco”. Come se io adesso ti scrivessi un commento di parole del tipo xuiyhfiewhefvhkgkbsdi per vedere cosa tu riesci a leggerci dentro: a fronte di una fatica mia pari a zero, perché ho solo lasciato scorrere senza intenzione le dita sulla tastiera, tu potresti faticare a scrivere tomi e tomi sui possibili significati del frutto di un mio gesto “vuoto”. Non è una solenne presa in giro?

  3. Complimenti per l’articolo, il tema del post moderno è molto interessante ma mi lascia dentro anche una grande angoscia; ecco quello che traspare anche da tutti i punti che hai sottolineato: una doppia lama, un’emancipazione da un lato e un’incertezza dall’altro… più tutte le implicazioni sul consumismo e sulla “dittatura” del consumismo che giustamente hai sottolineato. Ps ti consiglio “Manifesto del nuovo realismo” uscito di recente, libro di Ferraris un filosofo italiano che si è sempre appassionato della questione ermeneutica e del post moderno, salvo trarne in questo libro conclusioni totalmente antitetiche

    1. Condividuo questa tua lettura… Sul new realism è qualche articolo, soprattutto per quel che riguarda la letteratura (D. F. Wallace, Egan, DeLillo, Bolano), e in linea di principio posso anche essere d’accordo, anche se è una visione discutibile su vari aspetti.
      Ciao e grazie del commento

  4. ***Oggi l’avanguardia ha perso la sua virtù provocatoria, non vi è più alcuna tensione fra gli artisti innovatori e il pubblico in quando non c’è più nessuno che difenda l’ordine e la tradizione. Trasformazione del pubblico derivante dal fatto che l’edonismo, appannaggio alla svolta del secolo di un ristretto numero di artisti antiborghesi, è diventato, sostenuto dal consumismo di massa, il valore centrale della nostra cultura.***

    L’arte contemporanea non comprende solo quegli artisti di tendenza pilotati da un certo sistema, comprende una varietà di altri artisti e modi di far arte al di fuori da queste certezze che francamente mi sembrano anche loro molto limitate. Se si non si riesce a vedere altro o oltre è limitante….questo detto non solo da parte degli artisti, ma anche dei fruitori. Si rischia di vedere solo quello che vogliono farci vedere e questo sarebbe tristissimo perché starebbe a significare che anche noi, nostro malgrado, facciamo parte dello stesso gregge.

    ***Un uomo moderno d’ora innanzi è aperto alle novità, idoneo a mutare senza opporre resistenza al modo di vivere.****

    Come si può fare in maniera così categorica di ogni erba un fascio…?

    Scusami, ma sai com’è non riesco a non dire quello che penso.

    Buone cose a te!

  5. Non è una critica, ma è una forma di dialogo dove i pensieri si confrontano. Sarebbe anche sterile dire sempre di sì se si hanno visioni diverse.

    Buona serata a te e nulla di personale 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...