Baby stress

Il bambino esce dalla scuola elementare alle sedici e trenta, dopo il corso di teatro. La baby sitter automunita, che ha ricevuto precise disposizioni per parlargli solo in inglese, lo preleva e lo porta a nuoto, gli asciuga i capelli e, sempre in inglese, lo riporta a casa in tempo per la cena con la sorella, che è appena tornata dal corso di scherma, accompagnata dalla colf ucraina, e quindi ha bisogno di fare un po’ di conversazione con la baby sitter madrelingua: è meglio fissare un giorno preciso per l’inglese, non trova signora? Vediamo, quando è libera la bambina? Il lunedì no, ha ginnastica artistica, il martedì scherma, ci tiene tanto (nel frattempo la bambina, approfittando della pausa pianificatrice, è riuscita ad accendere un televisore e a tuffarcisi dentro, rotolandosi sul letto e tirando calci al fratello, ricambiata con gioia selvaggia), il mercoledì sarebbe libera ma volevo farle cominciare le lezioni di pianoforte, il giovedì! sì, il giovedì è perfetto, così mentre il fratello va a mini basket con la nonna, lei può fare i compiti di matematica in inglese, fantastico, sei contenta amore? La bambina non risponde perché il fratello la sta strangolando, ma il New York Times ha lanciato l’allarme di ottobre: i bambini overscheduled, iper programmati, continuamente sotto pressione, oberati di lavoro, istruiti a recitare il calendario dei propri impegni extrascolastici alle altre madri, sventolando quell’unico pomeriggio libero, quando c’è, come un Eldorado in cui gradirebbero essere invitati a casa d’altri, per potere finalmente fare wrestling sul pavimento.

L’iper calendarizzazione comporta anche, per gli amici e i genitori degli amici, l’obbligo di imparare a memoria o scriversi su un foglio in formato excel gli orari di tutti gli impegni pomeridiani dei compagni, in modo da non ricevere, dopo un invito a giocare insieme, l’indignata risposta: ma oggi Giacomino ha lezione di sassofono! (sottotitolo: come ti viene in mente, madre inadeguata, che il mio piccolo genio, futura classe dirigente non di questo ma di altri ben più importanti paesi, il mercoledì pomeriggio possa essere un fannullone qualunque che gioca in cortile? e anche: siamo seri, i cortili non esistono). Si tratta, sempre di più, di gare fra genitori, gare a chi costruisce il futuro migliore, chi offre maggiori stimoli, chi fa più sacrifici per portarli nella piscina con i migliori istruttori a trentacinque chilometri da casa. Gare a chi è più ansioso, soprattutto, ma con l’incrollabile convinzione che i piccoli budda un giorno ringrazieranno, perché non verranno sopraffatti. Un tempo infatti, scrive il Nyt, si diceva: finisci quello che hai nel piatto, pensa ai bambini cinesi che muoiono di fame, adesso si dice: va’ a esercitarti con il tuo strumento, pensa ai bambini cinesi che sanno già suonare il violino (e i bambini descritti dal Nyt non hanno nemmeno il problema di dovere parlare perfettamente inglese, essendo la lingua in dotazione, quindi hanno più spazio durante la giornata per imparare la capoeira).

Il tempo trascorso senza fare niente, i pomeriggi passati a saltellare in giro per casa o a testa in giù dallo scivolo sono visti come uno spaventoso spreco, ore vuote in cui potrebbero germogliare pensieri sbagliati, attitudini dannose e naturalmente recriminazioni future (se tu, mamma, mi avessi portato ogni settimana al corso di sci nautico, adesso non sarei disoccupato). E così ci si commuove, orgogliosi di tanta preparazione, quando Edoardo, sei anni, risponde al papà che gli chiede come mai quella faccina pallida: niente babbo, è lo stress.

Annalena

Annunci

9 Replies to “Baby stress”

  1. Il silenzio, la riflessione, mancano completamente ai bambini e ai ragazzi di oggi: se si fermassero a riflettere e avessero il tempo di pensare fra tutti questi impegni, nascerebbero cose bellissime.
    Che tristezza, questi piccoli adulti che non sono bambini nemmeno un po’.

    1. Infatti il punto è che sono bambini e non sono trattati come tali. Più che il silenzio e la riflessione, mi acconteterei che il gioco (meglio se con gli altri) riacquistasse la sua centralità…
      Ciao e grazie del commento

  2. I bambini cinesi cominciano ad essere un incubo, per se stessi e per gli altri. Ma tra un po’ dovremo guardarci anche dai bimbi italiesi, cioè italiani ma di madrelingua inglese, futura classe dirigente, mi auguro migliore dell’attuale. Solo che, come tutte le persone importanti, andranno a dirigere negli States, o magari a Londra o a Strasburgo.

  3. Roba da rimanerci secchi! Per fortuna che i miei mi hanno allevato come un pollo ruspante, libero di muoversi come volevo con l’unica condizione di andare bene a scuola.
    Grazie Mamma e Papà!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...