A questo punto

A questo punto smetti

dice l’ombra.

T’ho accompagnato in guerra e in pace e anche

nell’ intermedio,

sono stata per te l’esaltazione ed il tedio,

t’ho insufflato virtù che non possiedi,

vizi che non avevi. Se ora mi stacco

da te non avrai pena, sarai lieve

più delle foglie, mobile come il vento.

Devo alzare la maschera, io sono il tuo pensiero,

sono il tuo in-necessario, l’inutile tua scorza.

A questo punto smetti, strappati dal mio fiato

e cammina nel cielo come un razzo.

C’è ancora qualche lume all’orizzonte

e chi lo vede non è un pazzo, è solo

un uomo e tu intendevi di non esserlo

per amore di un’ombra. T’ho ingannato

ma ora di dico a questo punto smetti.

Il tuo peggio e il tuo meglio non t’appartengo

e per quello che avrai puoi fare a meno

di un’ombra. A questo punto

guarda con i tuoi occhi e anche senz’occhi.

Se il male naturaliter non può smettere

non gli conviene il segno negativo. L’altro segno a chi tocca? E’ la domanda

che corre (anzi non corre affatto)

di bocca in bocca.

EUGENIO MONTALE – da Diario del ‘71

Annunci

One Reply to “A questo punto”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...