Twombly, La camera chiara, il lascarsi attraversare

18 luglio 2015 § 1 Commento

Lo so, queste non sarebbero considerazioni estive. Però a volte le coincidenze non le puoi controllare. Un artista, un libro e mio figlio. Queste tre coordinate portano tutte ad una stessa necessità: un rapporto essenziale con le cose. Di Twombly ho già detto (qui per chi volesse), ma in sostanza  i suoi dipinti parlano all’intimità, sono immediati, rappresentano un viaggio agli albori della parola codificata.

La Camera Chiara di Roland Barthes è stata un sorpresa, cosa che da tempo non mi capitava. Positiva si intende. Un viaggio dentro la fotografia e un’occasione per riflettere sulla necessità di un nuovo linguaggio, oltre a quello tecnico e a quello critico, basato più sull’immediatezza nel rapporto con le cose. Come se dopo un’abbuffata di interpretazioni dovessimo risalire alla radice della nostra percezione, per un rapporto più diretto e meno mediato (Dio solo sa quanto ce ne sia bisogno oggi).

Su mio figlio c’è poco da dire. Due anni e mezzo e tante domande per scoprire il mondo. Domande essenziali generate da una curiosità affamata.

Direi che il cerchio si chiude. Ma naturalmente si chiude con la musica. Anche qui un ritorno al pentagramma, alle basi del linguaggio. Buon ascolto.

§ Una risposta a Twombly, La camera chiara, il lascarsi attraversare

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Twombly, La camera chiara, il lascarsi attraversare su Moralia in Lob.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: