Non voglio più saper nulla

Non voglio più saper nulla
di cose che non ci distruggano,
non chiedo più giardini, fonti,
improbabili infusi di bene:
un dio, una forma interna, eterna,
che di materia in materia si trascina
a una meta pura, oltre i tempi,
o amuleti, morfine più antiche,
bisbigli per bimbi di notte…

Quello che ci serve anche ci consuma,
quello che amiamo ci devasta,
ma con lentezza, nei pomeriggi
assolati, con estrema calma,
entrando dai pori, dalle labbra,
dalle pupille, dalle parole soffiate
che assorbiamo e crediamo vere.

Andrea Inglese (Torino, 1967), da La distrazione

Annunci

One Comment

  1. Sfibrante. Soprattutto quella sorta di osmosi per cui ci consuma e devasta. Mentre continuiamo a desiderare che finisca, che la pagina si volti e il libro si chiuda sul capitolo… mi hs fatto riaprire ferite. Grande pippa che sono…!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...